Pittura

Sono del 1948-1950 le mie "Deduzioni plastiche".
In questo periodo conosco lo scultore Marino Marini
e per alcune osservazioni che mi comunicò trovai la 

conferma delle mie idee.

 

A Brera Carlo Carrà, mi affascina per alcune cose dette su 

Picasso, (il quale gli fu amico a Parigi agli inizi del ‘900) 

che gli diceva di voler fare una rivoluzione nell’arte.

 

È questo il periodo in cui introduco nel mio lavoro una carica 

di concetti metafìsico-mitici, e per la prima volta mi si presenta 

l’immagine pensata. Ciò fu illuminante per l’insorgente necessità 

di un controllo critico razionale delle componenti emozionali 

che mi si presentavano.

Ercole buono Nudo metafisico Deduzione metafisica Nudo per una scultura Un gallo Mare e ulivi

Il "Fiume" rispecchia la conflittualità umana, e nel suo scorrere attraverso una 

molteplice varietà di percorsi, straripando talvolta dagli argini, è inteso come 

emblema della natura umana che attraverso alterne vicende, viene modellata, 

accompagnata, oppure travolta dagli avvenimenti. Il fiume, immagine mutevole

della natura, emblematizza qui anche l'immagine mutevole nell'iter esistenziale 

dell'uomo.

La lettura delle opere va agganciata all'idea concreta del "durante" che è il 

luogo in cui si "è", e metaforicamente "è qui" il privilegiato spazio della tela. 

Nell'accorpamento delle opere non si devono scorgere un inizio ed una 

conclusione: vi è solo un "durante" per una conoscenza estetica quale risultato 

di densità variabile di più momenti di un modo di essere parte di un linguaggio 

che comunica, in cui la figura del reale viene sommersa dagli eventi cognitivi.

Da qui la qualità dell'opera, del poeta, dell'artista.

Alberi Mitologia dell'albero Frutti e finestra Il dialogo Verso il fiume Quando l'acqua ci copre L'acqua invade Il grano, il sole Fiume continuo I fiori amano il cielo Campo di grano L'abbraccio Agadir Dialogo di forza Ossa vive X Strati di fiume Fiume Quando l'acqua ci invade II L'immagine entra n.3

I temi di questo periodo sono sempre un’emanazione dei 

"prodigi dell’Avitauro" ed una parte delle opere viene

indicata come "Materia pictoris" e "Materia picturae".

 

Queste definizioni indicano il lavorare intorno alla materia 

del pittore in quanto "immaginario", e alla materia della 

pittura intesa non come materiale usato per dipingere un 

quadro, ma come trasformazione dei materiali utili e 

funzionali nel loro divenire "luoghi razionali,
linguaggio di ricezione estetica".

Avitauro del colore Segni - Immagine in caduta Lungo suono Prodigio del mattino L'albero d'oro Prodigi dell'aria Avitauro del rosso La donna del monte
 

[cliccando su ogni immagine è possibile vedere l'ingrandimento]

Ercole buono
1949, contè nero su carta
cm 72,5 x 50
Nudo metafisico
1949, pastello e matita su carta
cm 47 x 75
Deduzione metafisica
1950, contè nero su carta
cm 68 x 38
Nudo per una scultura
1950, contè rosso e nero su carta
cm 62 x 43
Un gallo
1952, contè rosso e nero su carta
cm 50 x 60
Mare e ulivi
1953, china e tempera su carta
cm 67 x 50
Alberi
1959, cera su carta
cm 40 x 32
Mitologia dell'albero
1959, olio su tela
cm 65 x 50
Frutti e finestra
1960, olio su tela
cm 81 x 100
Il dialogo
1960, olio su tela
cm 90 x 30
Verso il fiume
1962, olio su tela
cm 60 x 81
Quando l'acqua ci copre
1961, olio su tela
cm 120 x 120
L'acqua invade
1962, olio su tela
cm 116 x 120
Il grano, il sole
1962, olio su tela
cm 89 x 130
Fiume continuo
1961, olio su tela
cm 81 x 100
I fiori amano il cielo
1961, tempera su carta
cm 50 x 73
Campo di grano
1961, olio su tela
cm 70 x 100
L'abbraccio
1961, olio su tela
cm 162 x 114
Agadir
1960, olio su tela
cm 130 x 162
Dialogo di forza
1961, tempera e china su cartone
cm 19 x 14
Ossa vive X
1962, olio su tela
cm 100 x 81
Strati di fiume
1962, olio su tela
cm 100 x 81
Fiume
1961, olio e china su carta
cm 50 x 70
Quando l'acqua ci invade II
1962, olio su tela
cm 61 x 50
L'immagine entra n.3
1964, olio su tela
cm 120 x 80
Avitauro del colore
1983, olio su tela
cm 70 x 50
Segni - Immagine in caduta
1983, tempera e china su carta
cm 50 x 64
Lungo Suono
1987, olio su tela
cm 190 x 200
Prodigio del mattino
1983, olio su tela
cm 220 x 138
L'albero d'oro
1982, olio su tela
cm 195 x 130
Prodigi dell'aria
1982, olio su tela
cm 130 x 97
Avitauro del rosso
1983, olio su tela
cm 50 x 50
La donna del monte
1986, olio su tela
cm 35 x 50