Riconoscimenti

 

1947-48 Vince consecutivamente a Roma, in un concorso indetto dal Ministero della cultura, una borsa di studio e il primo premio di pittura. Giorgio De Chirico, che era membro della giuria, lo invita due volte nel suo studio a Roma. La sua scelta è maturata: la pittura e la scultura orientano i suoi interessi esistenziali verso Milano dove si stabilisce nel 1947. Frequenta l’Accademia di Brera dove conosce Carlo Carrà. Frequenta la scuola d’arte del Castello Sforzesco.

 

1950 A Melzo vince il primo premio di disegno per giovani artisti di Brera, promosso dal pittore e direttore di Brera, Aldo Carpi. Si consolidano gli scopi della ricerca nell’arte, e la frequentazione del protagonismo attivo degli artisti amici Giuseppe Guerreschi, Mino Ceretti, Gianni Dova, Cesare Peverelli, Umberto Milani, Luigi Grosso, Walter Cremonini, Gianfranco Ferroni, Giuseppe Aimone, Alfredo Chighine, e molti altri.

 

1958 Una sua opera dedicata alla Camargue viene inserita nel Musée Taurin di Nimes.

 

1960 Il Museo di Arte Moderna di Bat-Yam, in Israele, acquista una sua opera.

 

1961 È presente al "Premio Marsala" nella città dello stesso nome dove viene premiato.

 

1963 La Rai-TV gli dedica un documentario sul suo tema principale, col titolo "Il fiume di Brusamolino" per la rubrica televisiva "Le tre arti" a cura di G. Marussi per la regia di P. Ruggerini e L. Budigna.

 

1986 Riceve il "Premio della critica dal Comune di Campobello" di Mazara del Vallo.

 

1990 La città di S. Agata di Militello gli assegna un premio speciale per la pittura, in un ex aequo. L’opera è destinata al Museo dei Nebrodi della città.

 

1991 Interventi speciali: dona una sua opera per i bambini di El Salvador, progetto "I passi di cotone".